cordova-commits mailing list archives

Site index · List index
Message view « Date » · « Thread »
Top « Date » · « Thread »
From shaz...@apache.org
Subject [31/57] [abbrv] docs commit: CB-5931 1/28 push latest of edge for Italian Cordova 3.4
Date Thu, 30 Jan 2014 21:21:23 GMT
CB-5931 1/28 push latest of edge for Italian Cordova 3.4

Signed-off-by: Shazron Abdullah <shazron@apache.org>


Project: http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/repo
Commit: http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/commit/60194dbe
Tree: http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/tree/60194dbe
Diff: http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/diff/60194dbe

Branch: refs/heads/master
Commit: 60194dbe298c1c2f1792d5711b4832b4a8c0c737
Parents: 0bc591a
Author: ldeluca <ldeluca@us.ibm.com>
Authored: Wed Jan 29 11:23:51 2014 -0500
Committer: Shazron Abdullah <shazron@apache.org>
Committed: Thu Jan 30 13:19:54 2014 -0800

----------------------------------------------------------------------
 docs/it/edge/config_ref/images.md               |  65 +-
 docs/it/edge/config_ref/index.md                |  37 +-
 .../it/edge/cordova/events/events.backbutton.md |   5 +-
 .../edge/cordova/events/events.deviceready.md   |   5 +-
 .../edge/cordova/events/events.endcallbutton.md |   2 +-
 docs/it/edge/cordova/events/events.md           |  68 +-
 .../it/edge/cordova/events/events.menubutton.md |   5 +-
 docs/it/edge/cordova/events/events.pause.md     |   3 +-
 docs/it/edge/cordova/events/events.resume.md    |   3 +-
 .../edge/cordova/events/events.searchbutton.md  |   2 +-
 .../cordova/events/events.startcallbutton.md    |   2 +-
 .../cordova/events/events.volumedownbutton.md   |   2 +-
 .../cordova/events/events.volumeupbutton.md     |   2 +-
 docs/it/edge/cordova/plugins/pluginapis.md      | 106 +++
 docs/it/edge/cordova/storage/storage.md         |  59 +-
 docs/it/edge/guide/appdev/whitelist/index.md    | 195 ++---
 docs/it/edge/guide/cli/index.md                 | 138 +++-
 docs/it/edge/guide/hybrid/plugins/index.md      | 122 ++-
 docs/it/edge/guide/hybrid/webviews/index.md     |   5 +-
 docs/it/edge/guide/overview/index.md            | 670 +----------------
 .../edge/guide/platforms/amazonfireos/config.md |  53 ++
 .../edge/guide/platforms/amazonfireos/index.md  | 127 ++++
 .../edge/guide/platforms/amazonfireos/plugin.md | 100 +++
 .../guide/platforms/amazonfireos/webview.md     | 116 +++
 docs/it/edge/guide/platforms/android/config.md  |  44 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/android/index.md   |  60 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/android/plugin.md  | 199 ++---
 docs/it/edge/guide/platforms/android/tools.md   |   2 +
 .../edge/guide/platforms/android/upgrading.md   |  95 ++-
 docs/it/edge/guide/platforms/android/webview.md |  44 +-
 .../edge/guide/platforms/blackberry10/config.md |   2 +-
 .../edge/guide/platforms/blackberry10/index.md  | 109 ++-
 .../edge/guide/platforms/blackberry10/plugin.md | 197 +++--
 .../edge/guide/platforms/blackberry10/tools.md  |  38 +-
 .../guide/platforms/blackberry10/upgrading.md   |  29 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/index.md           |  19 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/ios/config.md      |  42 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/ios/index.md       |   2 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/ios/plugin.md      | 202 +++--
 docs/it/edge/guide/platforms/ios/tools.md       |   4 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/ios/upgrading.md   | 139 ++--
 docs/it/edge/guide/platforms/ios/webview.md     | 101 +--
 docs/it/edge/guide/platforms/ubuntu/index.md    |  89 +++
 docs/it/edge/guide/platforms/win8/index.md      |  90 ++-
 docs/it/edge/guide/platforms/win8/tools.md      |   2 +
 docs/it/edge/guide/platforms/win8/upgrading.md  |  13 +
 docs/it/edge/guide/platforms/wp7/index.md       |  61 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/wp8/index.md       |  69 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/wp8/plugin.md      | 182 +++--
 docs/it/edge/guide/platforms/wp8/tools.md       |  13 +-
 docs/it/edge/guide/platforms/wp8/upgrading.md   |  43 +-
 docs/it/edge/guide/support/index.md             | 752 +++++++++++++++++++
 docs/it/edge/index.md                           | 123 +--
 docs/it/edge/plugin_ref/plugman.md              | 135 +++-
 docs/it/edge/plugin_ref/spec.md                 |  57 +-
 55 files changed, 2878 insertions(+), 1971 deletions(-)
----------------------------------------------------------------------


http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/config_ref/images.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/config_ref/images.md b/docs/it/edge/config_ref/images.md
index b17e5b4..0ba81d9 100644
--- a/docs/it/edge/config_ref/images.md
+++ b/docs/it/edge/config_ref/images.md
@@ -45,11 +45,15 @@ Windows Phone specifica un'icona predefinita di 48 pixel, insieme a sfondo vari
         windows-phone/icon-173-tile.png
     
 
-BlackBerry richiede un'icona 80-pixel:
+BlackBerry 10 richiede un elemento icona nel file config. xml:
 
-        blackberry/icon-80.png
+        <icon src="blackberry10/icon-86.png" />
     
 
+Vedere la documentazione di BlackBerry per tareting più dimensioni e impostazioni internazionali.
+
+[http://developer.blackberry.com/html5/documentation/icon_element.html]
+
 Tizen richiede un'icona di 128 pixel:
 
         tizen/icon-128.png
@@ -71,7 +75,7 @@ Android specifica sia ritratto e paesaggio-oriented splash immagini dello scherm
         android/screen-xhdpi-portrait.png
     
 
-La piattaforma iOS specifica varianti per iPhone/iPod e iPad, con varianti per retina display e diversi orientamenti. Il file *568 h* è personalizzato per l'iPhone 5 schermo più alto:
+La piattaforma iOS specifica varianti per iPhone/iPod e iPad, con varianti per retina display e diversi orientamenti. Il file *568 h* vale per l'iPhone 5 schermo più alto:
 
         ios/screen-ipad-landscape-2x.png
         ios/screen-ipad-landscape.png
@@ -84,38 +88,69 @@ La piattaforma iOS specifica varianti per iPhone/iPod e iPad, con varianti per r
         ios/screen-iphone-portrait-568h-2x.png
     
 
-BlackBerry e Windows Phone entrambi specificare una singola immagine:
+Windows Phone specifica una singola immagine:
 
-        blackberry/screen-225.png
         windows-phone/screen-portrait.jpg
     
 
 Le seguenti sezioni dettaglio come impostare schermate iniziali quando lavoro con SDK e gli strumenti della riga di comando correlati descritti nelle guide di piattaforma.
 
+Non dimenticare di installare il plugin SplashScreen prima di provare ad utilizzare la `navigator.splashscreen.hide()` o `navigator.splashscreen.show()` metodi.
+
 ## Schermate iniziali per la piattaforma Android
 
-Inserire i file [immagine 9-patch][1] del progetto Android `res/drawable` directory. Dovrebbe essere la dimensione per ciascuno:
+Inserire i file [immagine 9-patch][1] del progetto Android `platforms/android/res/drawable*` directory.
 
  [1]: https://developer.android.com/tools/help/draw9patch.html
 
+Dovrebbe essere la dimensione per ciascuno:
+
 *   XLarge (xhdpi): almeno 960 × 720
 *   grande (hdpi): almeno 640 × 480
 *   medio (mdpi): almeno 470 × 320
 *   piccolo (ldpi): almeno 426 × 320
 
+Se si desidera utilizzare le immagini di schermo splash predefinito fornite in Cordova, è necessario copiare i file png da `platforms/android/www/res/screen/android` a `platforms/android/res/drawable*/` :
+
+    cd platforms/android/res
+    mkdir drawable-port-ldpi
+    cp -p ../assets/www/res/screen/android/screen-ldpi-portrait.png drawable-port-ldpi/screen.png
+    mkdir drawable-land-ldpi
+    cp -p ../assets/www/res/screen/android/screen-ldpi-landscape.png drawable-land-ldpi/screen.png
+    mkdir drawable-port-mdpi
+    cp -p ../assets/www/res/screen/android/screen-mdpi-portrait.png drawable-port-mdpi/screen.png
+    mkdir drawable-land-mdpi
+    cp -p ../assets/www/res/screen/android/screen-mdpi-landscape.png drawable-land-mdpi/screen.png
+    mkdir drawable-port-hdpi
+    cp -p ../assets/www/res/screen/android/screen-hdpi-portrait.png drawable-port-hdpi/screen.png
+    mkdir drawable-land-hdpi
+    cp -p ../assets/www/res/screen/android/screen-hdpi-landscape.png drawable-land-hdpi/screen.png
+    mkdir drawable-port-xhdpi
+    cp -p ../assets/www/res/screen/android/screen-xhdpi-portrait.png drawable-port-xhdpi/screen.png
+    mkdir drawable-land-xhdpi
+    cp -p ../assets/www/res/screen/android/screen-xhdpi-landscape.png drawable-land-xhdpi/screen.png
+    
+
+Il `drawable` i nomi di directory devono seguire le convenzioni di Android per supportare [formati di schermo][2] e [risorse alternative][3].
+
+ [2]: http://developer.android.com/guide/practices/screens_support.html
+ [3]: http://developer.android.com/guide/topics/resources/providing-resources.html#AlternativeResources
+
 In `config.xml` , aggiungere le seguenti preferenze:
 
-    <preference name="splashscreen", "splash" />
-    <preference name="splashScreenDelay", 10000 />
+    <preference name="SplashScreen" value="splash" />
+    <preference name="SplashScreenDelay" value="10000" />
     
 
-La prima riga imposta l'immagine da visualizzare come schermata iniziale. Se è il nome tuo immagine niente altro che `splash.png` , è necessario modificare questa linea.
+La prima riga imposta l'immagine da visualizzare come schermata iniziale. Questo è il nome del file dei png nella `drawable*` directory. Se è il nome dell'immagine niente altro che `splash.png` , è necessario modificare questa linea. Non includere l'estensione del file (cioè, `.png` ). Se si desidera utilizzare le schermate iniziali predefinito fornite in Cordova come elencato sopra, utilizzare il valore`screen`.
 
-La seconda riga imposta il ritardo di quanto tempo lo splashscreen appare in millisecondi. Per chiudere la schermata iniziale una volta che l'app riceve il `deviceready` evento, chiamare il `navigator.splashscreen.hide()` metodo.
+La seconda riga imposta il ritardo predefinito di quanto tempo lo splashscreen appare in millisecondi. Questo dovrebbe essere il tempo massimo previsto inizio. Il valore predefinito per SplashScreenDelay è 3000 ms.
+
+Infine, la schermata iniziale dovrebbe essere presente solo tempo necessario. Quando ha iniziato l'app e webview ha caricato, l'app deve nascondere la schermata iniziale affinché il vostro punto di vista principale è visibile. Perché il tempo di avvio di app variano un po a causa di una serie di fattori, si raccomanda che l'app richiama esplicitamente `navigator.splashscreen.hide()` nel metodo Javascript che risponde alla `deviceready` evento. Altrimenti la schermata iniziale sarà visibile per il valore di SplashScreenDelay che configurato in precedenza. Questo approccio basato sugli eventi è altamente raccomandato contro avendo la schermata visibile per sempre una durata fissa.
 
 ## Schermate iniziali per la piattaforma iOS
 
-Copiare le immagini di schermata iniziale del progetto iOS `Resources/splash` directory. Aggiungere solo le immagini per i dispositivi che si desidera supportare, come iPad o iPhone. La dimensione di ogni immagine dovrebbe essere:
+Copiare immagini di splash screen del progetto iOS `Resources/splash` directory. Aggiungere solo quelle immagini per i dispositivi che si desidera supportare, come iPad o iPhone. La dimensione di ogni immagine dovrebbe essere:
 
 *   Default-568h@2x~iphone.png (640x1136 pixels)
 *   Default-Landscape@2x~ipad.png (1496 x 2048 pixel)
@@ -127,8 +162,8 @@ Copiare le immagini di schermata iniziale del progetto iOS `Resources/splash` di
 
 ## Schermate iniziali per la piattaforma BlackBerry 10
 
-Copiare le immagini di schermata iniziale del progetto `res/screen/blackberry10` directory. I nomi dei file dovrebbe essere:
+Aggiungere un elemento di rim: spruzzata di config. xml per ogni risoluzione e le impostazioni internazionali che desiderano sostenere:
+
+[http://Developer.BlackBerry.com/HTML5/Documentation/rim\_splash\_element.html][4]
 
-*   splash-1280x768.png (1280x768 pixels)
-*   splash-720x720.png (720x720 pixels)
-*   splash-768x1280.png (768x1280 pixels)
\ No newline at end of file
+ [4]: http://developer.blackberry.com/html5/documentation/rim_splash_element.html
\ No newline at end of file

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/config_ref/index.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/config_ref/index.md b/docs/it/edge/config_ref/index.md
index 1fd8603..9171001 100644
--- a/docs/it/edge/config_ref/index.md
+++ b/docs/it/edge/config_ref/index.md
@@ -16,17 +16,29 @@ license: Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more cont
 
 # Il File config. Xml
 
-Molti aspetti del comportamento di un'app possono essere controllati con un file di configurazione globale, `config.xml` , che è inserito nella directory web di primo livello patrimoniale insieme a pagina iniziale dell'app. Questo file XML indipendente dalla piattaforma è formattato basato sulla specifica [Confezionato Web Apps (widget)][1] di W3C ed esteso per specificare le caratteristiche di nucleo API di Cordova, plugins e impostazioni specifiche della piattaforma.
+Molti aspetti del comportamento di un'app possono essere controllati con un file di configurazione globale, `config.xml` . Questo file XML indipendente dalla piattaforma è organizzato basato sulla specifica [Confezionato Web Apps (widget)][1] del W3C ed esteso per specificare le caratteristiche di nucleo API di Cordova, plugins e impostazioni specifiche della piattaforma.
 
  [1]: http://www.w3.org/TR/widgets/
 
-Per i progetti creati con Cordova CLI (descritto nella interfaccia Command-Line), questo file può essere trovato nella directory `www` di primo livello. Utilizzando la CLI per costruire un progetto rigenera le versioni di questo file in varie sottodirectory all'interno di `platforms` . Se si utilizza la CLI per creare un progetto, ma poi spostare il vostro flusso di lavoro per un SDK, il file di specifica della piattaforma serve come fonte.
+Per i progetti creati con Cordova CLI (descritto in The Command-Line Interface), questo file si trova nella directory principale:
+
+        app/config.xml
+    
+
+Si noti che prima versione 3.3.1-0.2.0, il file esisteva a `app/www/config.xml` , e che averlo qui è ancora supportato.
+
+Quando si utilizza la CLI per costruire un progetto, versioni di questo file vengono copiati passivamente in vari `platforms/` sottodirectory, ad esempio:
+
+        app/platforms/ios/AppName/config.xml
+        app/platforms/blackberry10/www/config.xml
+        app/platforms/android/res/xml/config.xml
+    
 
 In questa sezione in dettaglio le opzioni di configurazione globale e multi-piattaforma. Vedere le sezioni seguenti per le opzioni specifiche della piattaforma:
 
 *   Configurazione iOS
 *   Configurazione Android
-*   Configurazione BlackBerry
+*   Configurazione di blackBerry 10
 
 Oltre le varie opzioni di configurazione descritte di seguito, è possibile configurare anche set di base di un'applicazione delle immagini per ogni piattaforma di destinazione. Per ulteriori informazioni, vedere icone e schermate iniziali.
 
@@ -44,13 +56,9 @@ In questo esempio viene illustrato il valore predefinito `config.xml` generato d
             </author>
             <content src="index.html" />
             <access origin="*" />
-            <preference name="Fullscreen" value="true" />
-            <preference name="WebViewBounce" value="true" />
         </widget>
     
 
-<!-- QUERY: is WebViewBounce superseded by DisallowOverscroll? -->
-
 Gli elementi di configurazione seguenti appaiono nel primo livello `config.xml` del file e sono supportati su tutte le piattaforme supportate di Cordova:
 
 *   Il `<widget>` dell'elemento `id` attributo fornisce l'identificatore di dominio inverso dell'app e la `version` il numero di versione completo espresso nella notazione di maggiore/minore/patch.
@@ -59,7 +67,7 @@ Gli elementi di configurazione seguenti appaiono nel primo livello `config.xml`
 
 *   Il `<description>` e `<author>` elementi specificano metadati e informazioni di contatto che possono essere visualizzati all'interno di elenchi di app store.
 
-*   L'optional `<content>` elemento definisce la pagina iniziale dell'applicazione nella directory di risorse web di primo livello. Il valore predefinito è `index.html` , che abitualmente viene visualizzata in un progetto di primo livello `www` directory.
+*   L'optional `<content>` elemento definisce la pagina iniziale dell'app nella directory di risorse web di primo livello. Il valore predefinito è `index.html` , che abitualmente viene visualizzata in un progetto di primo livello `www` directory.
 
 *   `<access>`gli elementi definiscono l'insieme di domini esterni che è consentito comunicare con l'app. Il valore predefinito indicato sopra permette di accedere a qualsiasi server. Vedere la guida di dominio Whitelist per dettagli.
 
@@ -79,7 +87,7 @@ Si applicano le seguenti preferenze globali per tutte le piattaforme:
         <preference name="Orientation" value="landscape" />
         
     
-    **Nota:** Il `default` valore significa *sia* gli orientamenti orizzontale e verticale sono abilitati. Se si desidera utilizzare le impostazioni di default su ogni piattaforma (solitamente ritratto solo), lasciare questo tag della `config.xml` file. Inoltre, utilizza BlackBerry `auto` invece di `default` nel suo `config.xml` file. Se si specifica `default` nel mondiale `config.xml` , si traduce in `auto` della compilazione di BlackBerry.
+    **Nota**: il `default` valore significa *sia* gli orientamenti orizzontale e verticale sono abilitati. Se si desidera utilizzare le impostazioni di default su ogni piattaforma (solitamente ritratto solo), lasciare questo tag della `config.xml` file.
 
 ## Preferenze di multi-piattaforma
 
@@ -105,17 +113,10 @@ Per più di una piattaforma, ma non a tutte le, si applicano le seguenti prefere
         
     
     Si applica a iOS e BlackBerry.
-    
-    **Nota:** Per BlackBerry, i valori validi sono `enable` o`disable`.
-
-## Il `<feature>` elemento
 
-Se si utilizza la CLI per costruire applicazioni, si utilizza il `plugin` comando per abilitare il dispositivo API. Questo non modifica il livello superiore `config.xml` file, quindi il `<feature>` elemento non si applica al vostro flusso di lavoro. Se sei lavorando direttamente in un SDK e utilizzando le specifiche della piattaforma `config.xml` file come origine, si utilizza il `<feature>` tag per abilitare il dispositivo-livello API e plugin esterni. In genere appaiono in questa forma:
-
-        <feature name="Plugin" value="PluginID" />
-    
+## La *funzione di* elemento
 
-Essi appaiono spesso con valori personalizzati nelle specifiche della piattaforma `config.xml` file. Ad esempio, ecco come specificare il dispositivo API per progetti Android:
+Se si utilizza la CLI per costruire applicazioni, si utilizza il `plugin` comando per abilitare il dispositivo API. Questo non modifica il livello superiore `config.xml` file, quindi il `<feature>` elemento non si applica al vostro flusso di lavoro. Se si lavora direttamente in un SDK e utilizzando le specifiche della piattaforma `config.xml` file come origine, si utilizza il `<feature>` tag per abilitare il dispositivo-livello API e plugin esterni. Essi appaiono spesso con valori personalizzati nelle specifiche della piattaforma `config.xml` file. Ad esempio, ecco come specificare il dispositivo API per progetti Android:
 
         <feature name="Device">
             <param name="android-package" value="org.apache.cordova.device.Device" />

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.backbutton.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.backbutton.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.backbutton.md
index 7421c51..848f53b 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.backbutton.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.backbutton.md
@@ -14,7 +14,7 @@ license: Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more cont
    under the License.
 ---
 
-# BackButton
+# backbutton
 
 L'evento viene generato quando l'utente preme il pulsante indietro.
 
@@ -27,8 +27,9 @@ Per ignorare il comportamento predefinito tasto back, registrare un listener di
 
 ## Piattaforme supportate
 
+*   Amazon fuoco OS
 *   Android
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 *   Windows Phone 7 e 8
 
 ## Esempio rapido

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.deviceready.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.deviceready.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.deviceready.md
index e715437..1012adf 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.deviceready.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.deviceready.md
@@ -25,7 +25,7 @@ Quando Cordova è completamente caricato, viene generato l'evento.
 
 Questo evento è essenziale per qualsiasi applicazione. Segnala che il dispositivo di Cordova API hanno caricato e sono pronte accedere.
 
-Cordova è costituito da due basi di codice: nativo e JavaScript. Mentre carica il codice nativo, viene visualizzata un'immagine di caricamento personalizzato. Tuttavia, JavaScript solo carichi una volta caricato il DOM. Questo significa che l'applicazione web potenzialmente può chiamare una funzione JavaScript di Cordova prima il corrispondente codice nativo è disponibile.
+Cordova è costituito da due basi di codice: nativo e JavaScript. Mentre carica il codice nativo, viene visualizzata un'immagine di caricamento personalizzato. Tuttavia, JavaScript solo carichi una volta caricato il DOM. Questo significa che l'applicazione web potenzialmente può chiamare una funzione JavaScript di Cordova prima il corrispondente codice nativo diventa disponibile.
 
 Il `deviceready` viene generato un evento una volta Cordova ha caricato completamente. Una volta viene generato l'evento, si possono tranquillamente fare chiamate a Cordova APIs. Applicazioni in genere allegare un listener di eventi con `document.addEventListener` una volta che ha caricato il DOM documento HTML.
 
@@ -33,8 +33,9 @@ Il `deviceready` evento si comporta in modo un po' diverso dagli altri. Qualsias
 
 ## Piattaforme supportate
 
+*   Amazon fuoco OS
 *   Android
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 *   iOS
 *   Tizen
 *   Windows Phone 7 e 8

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.endcallbutton.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.endcallbutton.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.endcallbutton.md
index 9bd68d0..1b71cbb 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.endcallbutton.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.endcallbutton.md
@@ -29,7 +29,7 @@ Applicazioni in genere è necessario utilizzare `document.addEventListener` per
 
 ## Piattaforme supportate
 
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 
 ## Esempio rapido
 

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.md
index 682777d..0153a6c 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.md
@@ -23,69 +23,25 @@ license: Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more cont
 *   deviceready
 *   pausa
 *   curriculum
-*   online
-*   non in linea
-*   BackButton
-*   batterycritical
-*   batterylow
-*   batterystatus
-*   pulsante menu
-*   SearchButton
+*   backbutton
+*   menubutton
+*   searchbutton
 *   startcallbutton
 *   endcallbutton
 *   volumedownbutton
 *   volumeupbutton
 
-## La funzionalità di accesso
-
-A partire dalla versione 3.0, stato batteria implementa di Cordova e altre API a livello di dispositivo come *plugin*. Accesso a tutti gli altri eventi non correlati allo stato della batteria sono abilitati per impostazione predefinita. Utilizzare la CLI `plugin` comando, descritto in Command-Line Interface, per abilitare o disabilitare gli eventi batteria:
-
-        $ cordova plugin add org.apache.cordova.battery-status
-        $ cordova plugin ls
-        [ 'org.apache.cordova.battery-status' ]
-        $ cordova plugin rm org.apache.cordova.battery-status
-    
-
-Questi comandi si applicano a tutte le piattaforme mirate, ma modificano le impostazioni di configurazione specifiche della piattaforma descritte di seguito:
-
-*   Android
-    
-        (in app/res/xml/config.xml)
-        <feature name="Battery">
-            <param name="android-package" value="org.apache.cordova.BatteryListener" />
-        </feature>
-        
-        (in app/AndroidManifest.xml)
-        <uses-permission android:name="android.permission.BROADCAST_STICKY" />
-        
+## Eventi aggiunti da [org.apache.cordova.battery stato][1]
 
-*   BlackBerry WebWorks
-    
-        (in www/plugins.xml)
-        <feature name="Battery">
-            <param name="blackberry-package" value="org.apache.cordova.battery.Battery" />
-        </feature>
-        
-        (in www/config.xml)
-        <feature id="blackberry.app"          required="true" version="1.0.0.0" />
-        <feature id="blackberry.app.event"    required="true" version="1.0.0.0" />
-        <feature id="blackberry.system.event" required="true" version="1.0.0.0" />
-        
+ [1]: https://github.com/apache/cordova-plugin-battery-status/blob/master/doc/index.md
 
-*   iOS (in`config.xml`)
-    
-        <feature name="Battery">
-            <param name="ios-package" value="CDVBattery" />
-        </feature>
-        
+*   batterycritical
+*   batterylow
+*   batterystatus
 
-*   Tizen (in`config.xml`)
-    
-        <feature name="http://tizen.org/api/systeminfo" required="true"/>
-        
-    
-    Riferimento: il [manifesto dell'applicazione per applicazione Web Tizen][1]
+## Eventi aggiunti da [org.apache.cordova.network-informazioni][2]
 
- [1]: https://developer.tizen.org/help/topic/org.tizen.help.gs/Creating%20a%20Project.html?path=0_1_1_3#8814682_CreatingaProject-EditingconfigxmlFeatures
+ [2]: https://github.com/apache/cordova-plugin-network-information/blob/master/doc/index.md
 
-Alcune piattaforme possono supportare questa funzionalità senza richiedere alcuna configurazione speciale. Vedere *Supporto piattaforma* nella sezione panoramica.
\ No newline at end of file
+*   online
+*   offline
\ No newline at end of file

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.menubutton.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.menubutton.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.menubutton.md
index 6eafb36..117fe79 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.menubutton.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.menubutton.md
@@ -14,7 +14,7 @@ license: Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more cont
    under the License.
 ---
 
-# pulsante menu
+# menubutton
 
 L'evento viene generato quando l'utente preme il tasto menu.
 
@@ -29,8 +29,9 @@ Applicazioni in genere è necessario utilizzare `document.addEventListener` per
 
 ## Piattaforme supportate
 
+*   Amazon fuoco OS
 *   Android
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 
 ## Esempio rapido
 

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.pause.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.pause.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.pause.md
index dc08b04..dcaf2a9 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.pause.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.pause.md
@@ -29,8 +29,9 @@ Applicazioni in genere è necessario utilizzare `document.addEventListener` per
 
 ## Piattaforme supportate
 
+*   Amazon fuoco OS
 *   Android
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 *   iOS
 *   Windows Phone 7 e 8
 *   Windows 8

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.resume.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.resume.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.resume.md
index c918cdf..4e194ed 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.resume.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.resume.md
@@ -29,8 +29,9 @@ Applicazioni in genere è necessario utilizzare `document.addEventListener` per
 
 ## Piattaforme supportate
 
+*   Amazon fuoco OS
 *   Android
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 *   iOS
 *   Windows Phone 7 e 8
 *   Windows 8

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.searchbutton.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.searchbutton.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.searchbutton.md
index 1660c93..047e835 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.searchbutton.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.searchbutton.md
@@ -14,7 +14,7 @@ license: Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more cont
    under the License.
 ---
 
-# SearchButton
+# searchbutton
 
 L'evento viene generato quando l'utente preme il pulsante di ricerca su Android.
 

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.startcallbutton.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.startcallbutton.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.startcallbutton.md
index 3ee0596..70ebf67 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.startcallbutton.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.startcallbutton.md
@@ -29,7 +29,7 @@ Applicazioni in genere è necessario utilizzare `document.addEventListener` per
 
 ## Piattaforme supportate
 
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 
 ## Esempio rapido
 

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.volumedownbutton.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.volumedownbutton.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.volumedownbutton.md
index ca10ca4..8fff04f 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.volumedownbutton.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.volumedownbutton.md
@@ -29,7 +29,7 @@ Applicazioni in genere è necessario utilizzare `document.addEventListener` per
 
 ## Piattaforme supportate
 
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 
 ## Esempio rapido
 

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/events/events.volumeupbutton.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/events/events.volumeupbutton.md b/docs/it/edge/cordova/events/events.volumeupbutton.md
index aa9426d..eafdb80 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/events/events.volumeupbutton.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/events/events.volumeupbutton.md
@@ -29,7 +29,7 @@ Applicazioni in genere è necessario utilizzare `document.addEventListener` per
 
 ## Piattaforme supportate
 
-*   BlackBerry WebWorks (OS 5.0 e superiori)
+*   BlackBerry 10
 
 ## Esempio rapido
 

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/plugins/pluginapis.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/plugins/pluginapis.md b/docs/it/edge/cordova/plugins/pluginapis.md
new file mode 100644
index 0000000..e9e5b8a
--- /dev/null
+++ b/docs/it/edge/cordova/plugins/pluginapis.md
@@ -0,0 +1,106 @@
+---
+
+licenza: licenza uno o più contratti di licenza di collaboratore per l'Apache Software Foundation (ASF). Vedere il file avviso distribuito con questo lavoro per ulteriori informazioni riguardanti la proprietà del copyright. L'ASF licenze questo file a voi con la licenza Apache, versione 2.0 (la "licenza"); non si può usare questo file se non in conformità con la licenza. È possibile ottenere una copia della licenza a
+
+           http://www.apache.org/licenses/License-2.0 se non richiesto dalla legge o concordato per iscritto, il software distribuito sotto la licenza è distribuito su un "AS IS" base, senza garanzie o condizioni di alcun tipo, esplicita o implicita.  Vedere la licenza per la lingua specifica che disciplina le autorizzazioni e limitazioni
+    
+
+## con la licenza.
+
+# Plugin API
+
+Cordova viene fornito con un set minimo di API e progetti aggiungere cosa extra API richiedono tramite plugin.
+
+Può cercare attraverso tutti i plugin esistenti utilizzando il [Plugin Registry][1].
+
+ [1]: http://plugins.cordova.io/
+
+Il set tradizionale di Cordova plugin sono i seguenti:
+
+*   [Stato della batteria][2]
+    
+    > Monitorare lo stato della batteria del dispositivo.
+
+*   [Fotocamera][3]
+    
+    > Catturare una foto usando la fotocamera del dispositivo.
+
+*   [Contatti][4]
+    
+    > Lavorare con il database di contatti di dispositivi.
+
+*   [Dispositivo][5]
+    
+    > Raccogliere informazioni specifiche del dispositivo.
+
+*   [Movimento di dispositivo (accelerometro)][6]
+    
+    > Sfruttare il sensore di movimento del dispositivo.
+
+*   [Dispositivo orientamento (bussola)][7]
+    
+    > Ottenere la direzione che il dispositivo sta puntando.
+
+*   [Finestre di dialogo][8]
+    
+    > Notifiche visive del dispositivo.
+
+*   [FileSystem][9]
+    
+    > Gancio in file system nativo tramite JavaScript.
+
+*   [Trasferimento di file][10]
+    
+    > Gancio in file system nativo tramite JavaScript.
+
+*   [Geolocalizzazione][11]
+    
+    > Sensibilizzare la vostra sede di applicazione.
+
+*   [Globalizzazione][12]
+    
+    > Attivare la rappresentazione degli oggetti specifici di una lingua.
+
+*   [InAppBrowser][13]
+    
+    > Lanciare gli URL in un'altra istanza del browser in-app.
+
+*   [Media][14]
+    
+    > Registrare e riprodurre file audio.
+
+*   [Acquisizione di media][15]
+    
+    > Catturare i file multimediali utilizzando le applicazioni di cattura multimediale del dispositivo.
+
+*   [Informazioni di rete (connessione)][16]
+    
+    > Verificare rapidamente lo stato di rete e informazioni della rete cellulare.
+
+*   [Splashscreen][17]
+    
+    > Mostrare e nascondere la schermata iniziale di applicazioni.
+
+*   [Vibrazione][18]
+    
+    > Un'API per vibrare il dispositivo.
+
+ [2]: https://github.com/apache/cordova-plugin-battery-status/blob/dev/doc/index.md
+ [3]: https://github.com/apache/cordova-plugin-camera/blob/dev/doc/index.md
+ [4]: https://github.com/apache/cordova-plugin-contacts/blob/dev/doc/index.md
+ [5]: https://github.com/apache/cordova-plugin-device/blob/dev/doc/index.md
+ [6]: https://github.com/apache/cordova-plugin-device-motion/blob/dev/doc/index.md
+ [7]: https://github.com/apache/cordova-plugin-device-orientation/blob/dev/doc/index.md
+ [8]: https://github.com/apache/cordova-plugin-dialogs/blob/dev/doc/index.md
+ [9]: https://github.com/apache/cordova-plugin-file/blob/dev/doc/index.md
+ [10]: https://github.com/apache/cordova-plugin-file-transfer/blob/dev/doc/index.md
+ [11]: https://github.com/apache/cordova-plugin-geolocation/blob/dev/doc/index.md
+ [12]: https://github.com/apache/cordova-plugin-globalization/blob/dev/doc/index.md
+ [13]: https://github.com/apache/cordova-plugin-inappbrowser/blob/dev/doc/index.md
+ [14]: https://github.com/apache/cordova-plugin-media/blob/dev/doc/index.md
+ [15]: https://github.com/apache/cordova-plugin-media-capture/blob/dev/doc/index.md
+ [16]: https://github.com/apache/cordova-plugin-network-information/blob/dev/doc/index.md
+ [17]: https://github.com/apache/cordova-plugin-splashscreen/blob/dev/doc/index.md
+ [18]: https://github.com/apache/cordova-plugin-vibration/blob/dev/doc/index.md
+
+Traduzioni inglese di questi documenti di plugin si possono trovare guardando le versioni precedenti della documentazione Cordova. Utilizzare il menu a discesa a molto alto a destra di questo sito per passare le versioni.
\ No newline at end of file

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/cordova/storage/storage.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/cordova/storage/storage.md b/docs/it/edge/cordova/storage/storage.md
index 0ed5f9f..400676f 100644
--- a/docs/it/edge/cordova/storage/storage.md
+++ b/docs/it/edge/cordova/storage/storage.md
@@ -16,52 +16,47 @@ license: Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more cont
 
 # Archiviazione
 
-> Fornisce l'accesso alle opzioni di archiviazione del dispositivo.
+> Una panoramica delle opzioni di archiviazione per Cordova.
 
-Questa API offre opzioni di archiviazione basate su due diverse specifiche W3C:
+Archiviazione diverse API sono disponibili per applicazioni di Cordova. Vedi [html5rocks][1]. per una panoramica più completa ed esempi.
 
-*   La [Specifica API di archiviazione Web][1] consente di accedere ai dati tramite coppie chiave/valore semplice. Vedere la sezione localStorage per informazioni dettagliate su questa interfaccia.
+ [1]: http://www.html5rocks.com/en/features/storage
 
-*   La [Specifica di Database SQL Web][2] offre più tabelle di database completo accessibili tramite query SQL. Una sintesi di questa interfaccia viene visualizzata immediatamente sotto.
+## LocalStorage
 
- [1]: http://dev.w3.org/html5/webstorage/
- [2]: http://dev.w3.org/html5/webdatabase/
+Conosciuto anche come *web storage*, *archiviazione semplice*, o dalla sua interfaccia alternativa *archiviazione della sessione* , questa API fornisce archiviazione coppia chiave/valore sincrona ed è disponibile in implementazioni di WebView sottostante. Consultare [le specifiche W3C][2] per dettagli.
 
-Cordova fornisce accesso a entrambe le interfacce per la minoranza di dispositivi che non supportano già li. Altrimenti applicano implementazioni incorporate.
+ [2]: http://www.w3.org/TR/webstorage/
 
-## Metodi
+**Windows Phone 7 Quirk**: notazione del punto è *non* disponibile, quindi assicuratevi di utilizzare `setItem` o `getItem` piuttosto che accedere ai tasti direttamente dall'oggetto di archiviazione, come in`window.localStorage.someKey`.
 
-*   openDatabase
+## WebSQL
 
-## Argomenti
+Questa API è disponibile in WebView sottostante. La [Specifica di Database SQL Web][3] offre più tabelle di database completo accessibili tramite query SQL.
 
-*   database_name
-*   database_version
-*   database_displayname
-*   database_size
+ [3]: http://dev.w3.org/html5/webdatabase/
 
-## Oggetti
+Le seguenti piattaforme di supporto WebSQL:
 
-*   Database
-*   SQLTransaction
-*   SQLResultSet
-*   SQLResultSetRowList
-*   SQLError
+*   Android
+*   BlackBerry 10
+*   iOS
+*   Tizen
 
-## La funzionalità di accesso
+## IndexedDB
 
-A partire dalla versione 3.0, accesso alle API di archiviazione è costruito in Cordova e non richiedono l'utilizzo di CLI aggiungere plugin come descritto in l'interfaccia della riga di comando.
+Questa API è disponibile in WebView sottostante. [DB indicizzati][4] offre più funzionalità che LocalStorage ma meno di WebSQL.
 
-Se si utilizza il vecchio set di strumenti di Cordova che precedono la CLI, le seguenti impostazioni di configurazione specifiche della piattaforma sono ancora necessari:
+ [4]: http://www.w3.org/TR/IndexedDB/
 
-*   Android (in`app/res/xml/config.xml`)
-    
-        < nome funzione = "Storage" >< nome param = "android-pacchetto" value="org.apache.cordova.Storage" / >< / caratteristica >
-        
+Le piattaforme seguenti supportano IndexedDB:
 
-*   BlackBerry WebWorks (in`www/config.xml`)
-    
-        < presentano id="blackberry.widgetcache" richiesto = versione "vero" = "1.0.0.0" / >
-        
+*   Windows Phone 8
+*   BlackBerry 10
+
+## Opzioni basate su plugin
+
+Oltre l'archiviazione che API sopra elencate, il [File API][5] ti permette di memorizzare dati sul file system locale. Altri [plugins Cordova][6] forniscono opzioni di archiviazione simili.
 
-Alcune piattaforme possono supportare questa funzionalità senza richiedere alcuna configurazione speciale. Vedere *Supporto piattaforma* nella sezione panoramica.
\ No newline at end of file
+ [5]: https://github.com/apache/cordova-plugin-file/blob/master/doc/index.md
+ [6]: http://plugins.cordova.io/
\ No newline at end of file

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/guide/appdev/whitelist/index.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/guide/appdev/whitelist/index.md b/docs/it/edge/guide/appdev/whitelist/index.md
index 7f3b8b1..a32975a 100644
--- a/docs/it/edge/guide/appdev/whitelist/index.md
+++ b/docs/it/edge/guide/appdev/whitelist/index.md
@@ -16,187 +16,120 @@ license: Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more cont
 
 # Guida di whitelist
 
-## Panoramica
+Dominio whitelisting è un modello di sicurezza che controlla l'accesso a domini esterni, oltre che un'applicazione si ha alcun controllo. Criteri di protezione predefiniti di Cordova consentono l'accesso a qualsiasi sito. Prima di spostare l'applicazione di produzione, si dovrebbe formulare una whitelist e consentire l'accesso alla rete specifici domini e sottodomini.
 
-Risorsa whitelisting è un modello di sicurezza che controlla accesso alle risorse di rete esterni, come ad esempio `http://google.com` . Criteri di protezione predefiniti di Cordova Apache consentono l'accesso a qualsiasi risorsa su qualsiasi sito su Internet. Prima di spostare l'applicazione di produzione, si dovrebbe rivedere la sua whitelist e dichiarare l'accesso alla rete specifici domini e sottodomini.
-
-## Specifica
-
-Dominio whitelisting getta le basi per la specifica [W3C Widget accesso][1] . Nella specifica di Widget accesso il `<access>` elemento viene utilizzato per dichiarare l'accesso alle risorse di rete specifici. Apache Cordova si estende questo concetto per consentire whitelisting delle singole risorse di rete (URL). In futuro, Apache Cordova sarà astratta le implementazioni di whitelisting piattaforma. Tuttavia, per ora ogni piattaforma implementa un proprio dominio o risorsa whitelisting. Le differenze tra le implementazioni della piattaforma sono descritti più avanti in questo documento.
+Cordova aderisce alla specifica [W3C Widget di accesso][1] , che si basa sulla `<access>` elemento all'interno dell'app `config.xml` file per abilitare l'accesso alla rete a domini specifici. Per i progetti che si basano sul flusso di lavoro CLI descritto in l'interfaccia della riga di comando, questo file si trova nella directory principale del progetto. Altrimenti per percorsi di sviluppo specifico della piattaforma, posizioni sono elencati nelle sezioni qui sotto. (Vedi le varie guide di piattaforma per ulteriori informazioni su ogni piattaforma).
 
  [1]: http://www.w3.org/TR/widgets-access/
 
-Il formato generico per le voci whitelist segue la specifica "[corrispondenza modello][2]" per Google Chrome confezionato Apps. Le risorse sono specificate da URL, ma un asterisco (*) personaggio può essere utilizzato come un "jolly" in luoghi diversi per indicare "qualsiasi valore può andare qui". Seguito sono riportati esempi specifici.
-
- [2]: http://developer.chrome.com/apps/match_patterns.html
-
-## Sintassi
+Negli esempi seguenti viene whitelist sintassi:
 
-Accesso a tutte le risorse su [google.com][3]:
-
- [3]: http://google.com
-
-    http://google.com/*
+*   Accesso a [google.com][2]:
     
+        <access origin="http://google.com" />
+        
 
-Accesso a tutte le risorse al sicuro [google.com][4] ( `https://` ):
-
- [4]: https://google.com
-
-    https://Google.com/ *
+*   Accesso al sicuro [google.com][3] ( `https://` ):
     
+        <access origin="https://google.com" />
+        
 
-Accesso per il sottodominio specifico [maps.google.com][5]:
-
- [5]: http://maps.google.com
-
-    http://maps.google.com/*
+*   Accesso per il sottodominio [maps.google.com][4]:
     
+        <access origin="http://maps.google.com" />
+        
 
-Accesso a tutti i sottodomini su [google.com][3] (ad esempio, [mail.google.com][6] e [docs.google.com][7]):
-
- [6]: http://mail.google.com
- [7]: http://docs.google.com
-
-    http://*.google.com/*
+*   Accesso a tutti i sottodomini su [google.com][2], ad esempio [mail.google.com][5] e [docs.google.com][6]:
     
+        <access origin="http://*.google.com" />
+        
 
-Accesso a tutte le risorse su [www.google.com][8] "/ mobile" nel percorso:
-
- [8]: http://www.google.com
-
-    http://www.google.com/mobile/*
+*   Accesso a *tutti i* domini, ad esempio, [google.com][2] e [developer.mozilla.org][7]:
     
-
-Accesso a [google.com][3] su qualsiasi protocollo (ad esempio, HTTP, HTTPS, FTP, ecc.):
-
-    *://google.com/*
+        <access origin="*" />
+        
     
+    Questo è il valore predefinito per i progetti CLI appena creati.
 
-Accesso a tutte le risorse su Internet (ad esempio, [google.com][3] e [developer.mozilla.org][9]):
+ [2]: http://google.com
+ [3]: https://google.com
+ [4]: http://maps.google.com
+ [5]: http://mail.google.com
+ [6]: http://docs.google.com
+ [7]: http://developer.mozilla.org
 
- [9]: http://developer.mozilla.org
+## Amazon fuoco OS Whitelisting
 
-    *
-    
+Le regole specifiche della piattaforma whitelisting si trovano in`res/xml/config.xml`.
 
-## Android
+## Android Whitelisting
 
-### Dettagli
+Le regole specifiche della piattaforma whitelisting si trovano in`res/xml/config.xml`.
 
-Le regole di whitelisting si trovano in `res/xml/config.xml` e dichiarata con l'elemento`<access origin="..." />`.
+**Nota**: Android 2.3 e prima, dominio whitelist funziona solo per `href` i collegamenti ipertestuali, non fa riferimento a risorse quali immagini e script. Prendere provvedimenti per evitare gli script da essere iniettato nell'applicazione.
 
-Android supporta pienamente la sintassi di whitelisting.
+Navigazione verso domini non whitelisted via `href` collegamento ipertestuale provoca la pagina aprire nel browser predefinito, piuttosto che all'interno dell'applicazione. (Confrontare questo comportamento su iOS riportata di seguito).
 
-### Sintassi
+## iOS Whitelisting
 
-Accesso a [google.com][3]:
+Regole di whitelisting della piattaforma si trovano nella directory applicazione denominata `config.xml` file.
 
-    <access origin="http://google.com/*" />
-    
+Origini specificati senza un protocollo, ad esempio `www.apache.org` anziché `http://www.apache.org` , predefinito a tutti i `http` , `https` , `ftp` , e `ftps` regimi.
 
-## BlackBerry 10
+Caratteri jolly sulla piattaforma iOS sono più flessibile nella specifica [W3C Widget accesso][1] . Ad esempio, il seguente accede tutti i sottodomini e domini di primo livello come `.com` e `.net` :
 
-### Dettagli
-
-Le regole di whitelisting si trovano in `www/config.xml` e dichiarata con l'elemento`<access origin="..." />`.
-
-BlackBerry 10 gestisce i caratteri jolly in modo diverso da altre piattaforme in due modi:
+        <access origin="*.google.*" />
+    
 
-1) Contenuto accessibile da XMLHttpRequest deve essere dichiarato in modo esplicito. origine = "*" non saranno rispettati per questo caso di utilizzo. In alternativa, tutta la sicurezza web può essere disattivata utilizzando una preferenza.
+A differenza della piattaforma Android sopra indicata, navigando per domini non whitelisted tramite `href` collegamento ipertestuale su iOS impedisce la pagina di apertura a tutti.
 
-2) sottodomini = "true" può essere usato al posto di "* .domain"
+## BlackBerry 10 Whitelisting
 
-### Sintassi
+Le regole di whitelisting si trovano in`www/config.xml`.
 
-Accesso a [google.com][3]:
+Uso di blackBerry 10 di caratteri jolly si differenzia da altre piattaforme in due modi:
 
-    <access origin="http://google.com" subdomains="false" />
+*   Qualsiasi contenuto accessibile da `XMLHttpRequest` deve essere dichiarato in modo esplicito. L'impostazione di `origin="*"` non funziona in questo caso. In alternativa, tutta la sicurezza web può essere disattivata utilizzando il `WebSecurity` preferenza descritto in configurazione del BlackBerry:
     
+        <preference name="websecurity" value="disable" />
+        
 
-Accesso a [maps.google.com][5]:
-
-    <access origin="http://maps.google.com" subdomains="false" />
+*   In alternativa all'impostazione `*.domain` , impostare un ulteriore `subdomains` attribuire a `true` . Deve essere impostato su `false` per impostazione predefinita. Ad esempio, il seguente consente l'accesso a `google.com` , `maps.google.com` , e `docs.google.com` :
     
-
-Accesso a tutti i sottodomini su [Google.it][3]:
-
-    <access origin="http://google.com" subdomains="true" />
+        <access origin="http://google.com" subdomains="true" />
+        
     
-
-Accesso a tutti i domini, tra cui `file://` protocollo:
-
-    <access origin="*" subdomains="true" />
+    La seguente restringe accedi a `google.com` :
     
-
-Disattivare tutti i web security:
-
-    <preference name="websecurity" value="disable" />
+        <access origin="http://google.com" subdomains="false" />
+        
     
+    Specificare l'accesso a tutti i domini, tra cui il locale `file://` protocollo:
+    
+    <access origin="*" subdomains="true" />
 
-## iOS
-
-### Dettagli
-
-Le regole di whitelisting si trovano in `AppName/config.xml` e dichiarata con l'elemento`<access origin="..." />`.
+(Per ulteriori informazioni sul supporto, vedere documentazione di BlackBerry nell' [elemento di accesso][8].)
 
-iOS supporta pienamente la sintassi di whitelisting.
+ [8]: https://developer.blackberry.com/html5/documentation/ww_developing/Access_element_834677_11.html
 
-### Cambiato in 3.1.0:
+## Cambiamenti iOS 3.1.0
 
 Prima della versione 3.1.0, Cordova-iOS incluso alcune estensioni non standard per il dominio whilelisting regime sostenuto da altre piattaforme di Cordova. A partire da 3.1.0, whitelist iOS ora conforme alla sintassi whitelist risorsa descritta nella parte superiore di questo documento. Se si aggiorna da pre-3.1.0, e si sono utilizzando queste estensioni, potrebbe essere necessario cambiare il `config.xml` file al fine di continuare come prima, lo stesso insieme di risorse di whitelisting.
 
 In particolare, questi modelli devono essere aggiornati:
 
-*   " `apache.org` " (nessun protocollo): questo sarebbe partita precedentemente `http` , `https` , `ftp` , e `ftps` protocolli. Modificare in " `*://apache.org/*` " per includere tutti i protocolli, o includere una riga per ogni protocollo è necessario supportare.
-
-*   " `http://apache.*` " (jolly alla fine del dominio): questo sarebbe partita in precedenza tutti i top-level-domini, tra cui possibili due lettere tutti i TLD (ma come non utili domini. co.uk). Includere una riga per ogni TLD che in realtà è possibile controllare e bisogno di whitelist.
+*   `apache.org`(nessun protocollo): questo sarebbe partita precedentemente `http` , `https` , `ftp` , e `ftps` protocolli. Modificare in " `*://apache.org/*` " per includere tutti i protocolli, o includere una riga per ogni protocollo è necessario supportare.
 
-*   " `h*t*://ap*he.o*g` " (i caratteri jolly per lettere mancanti casuali): questi non sono più supportati; cambiamento di includere una riga per ogni dominio e protocollo che tu effettivamente necessario whitelist.
+*   `http://apache.*`(jolly alla fine del dominio): questo sarebbe partita in precedenza tutti i top-level-domini, tra cui possibili due lettere tutti i TLD (ma come non utili domini. co.uk). Includere una riga per ogni TLD che in realtà è possibile controllare e bisogno di whitelist.
 
-### Sintassi
+*   `h*t*://ap*he.o*g`(jolly per lettere mancanti casuali): questi non sono più supportati; cambiamento di includere una riga per ogni dominio e il protocollo che è effettivamente necessario whitelist.
 
-Accesso a [google.com][3]:
+## Windows Phone Whitelisting
 
-    <access origin="http://google.com/*" />
-    
-
-## Windows Phone (7 & 8)
-
-Le regole di whitelisting si trovano in `config.xml` e dichiarata con l'elemento`<access origin="..." />`.
-
-### Sintassi
-
-Accesso a [google.com][3]:
-
-    <access origin="http://google.com" />
-    
+Le regole di whitelisting per Windows Phone 7 e 8 si trovano nell'app `config.xml` file.
 
-## Tizen
-
-### Dettagli
-
-Directory radice dell'applicazione `config.xml` file specifica le regole di whitelisting dominio, utilizzando il `<access origin="..." />` elemento. Per un riferimento completo, vedere la [documentazione di Tizen l'accesso esterno risorse di rete][10].
-
- [10]: https://developer.tizen.org/help/topic/org.tizen.help.gs/Creating%20a%20Project.html?path=0_1_1_4#8814682_CreatingaProject-AccessingExternalNetworkResources
-
-### Sintassi
-
-Accesso a [google.com][3]:
-
-    <access origin="http://google.com" subdomains="false" />
-    
-
-Accesso al sicuro [google.com][4] ( `https://` ):
-
-    <access origin="https://google.com" subdomains="false" />
-    
-
-Accesso a tutti i sottodomini su [Google.it][3]:
-
-    <access origin="http://google.com" subdomains="true" />
-    
+## Tizen Whitelisting
 
-Accesso a tutti i domini, tra cui `file://` protocollo:
+Regole di whitelisting si trovano nell'app `config.xml` file. La piattaforma si basa sulla stessa `subdomains` attributo come la piattaforma BlackBerry. (Per ulteriori informazioni sul supporto, vedere documentazione di Tizen sull' [elemento di accesso][9].)
 
-    <access origin="*" subdomains="true" />
\ No newline at end of file
+ [9]: https://developer.tizen.org/help/index.jsp?topic=%2Forg.tizen.web.appprogramming%2Fhtml%2Fide_sdk_tools%2Fconfig_editor_w3celements.htm
\ No newline at end of file

http://git-wip-us.apache.org/repos/asf/cordova-docs/blob/60194dbe/docs/it/edge/guide/cli/index.md
----------------------------------------------------------------------
diff --git a/docs/it/edge/guide/cli/index.md b/docs/it/edge/guide/cli/index.md
index ad5f3d3..b1e675e 100644
--- a/docs/it/edge/guide/cli/index.md
+++ b/docs/it/edge/guide/cli/index.md
@@ -16,7 +16,7 @@ license: Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more cont
 
 # L'interfaccia della riga di comando
 
-Questa guida viene illustrato come creare applicazioni e distribuirle in varie piattaforme mobile nativi utilizzando il `cordova` interfaccia della riga di comando (CLI). Questo strumento consente di creare nuovi progetti, costruirli su diverse piattaforme e farli funzionare all'interno di un emulatore. È possibile utilizzare anche la CLI per inizializzare il codice del progetto, dopo di che è possibile utilizzare SDK platforms vari per svilupparle ulteriormente.
+Questa guida viene illustrato come creare applicazioni e distribuirle in varie piattaforme mobile nativi utilizzando il `cordova` interfaccia della riga di comando (CLI). Questo strumento consente di creare nuovi progetti, costruirli su diverse piattaforme ed eseguire su dispositivi reali o all'interno di emulatori. Il CLI è lo strumento principale da utilizzare per il flusso di lavoro multi-piattaforma (vedere il prospetto per una descrizione dei vari flussi di lavoro.) Tuttavia, è possibile utilizzare anche la CLI per inizializzare il codice del progetto, dopo di che è possibile utilizzare vari platforms SDK e shell strumenti per costante sviluppo.
 
 ## Prerequisiti
 
@@ -25,6 +25,7 @@ Prima di eseguire eventuali strumenti da riga di comando, è necessario installa
 Per aggiungere il supporto o ricostruire un progetto per qualsiasi piattaforma, è necessario eseguire l'interfaccia della riga di comando dalla stessa macchina che supporta SDK la piattaforma. CLI supporta le seguenti combinazioni:
 
 *   iOS (Mac)
+*   Amazon fuoco OS (Mac, Linux, Windows)
 *   Android (Mac, Linux)
 *   BlackBerry 10 (Mac, Linux, Windows)
 *   Windows Phone 7 (Windows)
@@ -46,6 +47,8 @@ Per installare il `cordova` della riga di comando strumento, attenersi alla segu
         
     
     Il log di installazione può produrre errori per qualsiasi disinstallato platform SDK. Dopo l'installazione, si dovrebbe essere in grado di eseguire `cordova` sulla riga di comando.
+    
+    **Nota**: il `-g` bandiera sopra dice npm installare cordova a livello globale. Potrebbe essere necessario aggiungere la directory npm al tuo percorso al fine di richiamare globalmente installati moduli npm. Su Windows, npm di solito può essere trovato alla `C:\Users\username\AppData\Roaming\npm` e su Unix presso`/usr/local/share/npm`.
 
  [1]: http://nodejs.org/
 
@@ -56,11 +59,13 @@ Andare nella directory dove si mantiene il codice sorgente ed eseguire un comand
         $ cordova create hello com.example.hello HelloWorld
     
 
-Esso può richiedere molto tempo per completare il comando, quindi siate pazienti. Eseguire il `cordova -d` per vedere le informazioni sullo stato.
+Esso può richiedere molto tempo per completare il comando, quindi siate pazienti. Esegue il comando con il `-d` opzione Visualizza informazioni sui suoi progressi.
+
+Il primo argomento *Ciao* specifica una directory ad essere generato per il progetto. Questa directory non dovrebbe già esistere, Cordova si creerà per voi. Sua `www` sottodirectory ospita la pagina iniziale dell'applicazione, insieme a diverse risorse sotto `css` , `js` , e `img` , che seguono le convenzioni di denominazione dei file del sviluppo web comuni. La `config.xml` file contiene metadati importanti necessari per generare e distribuire l'applicazione.
 
-Il primo argomento specifica una directory *Ciao* a essere generato per il progetto. Sua `www` sottodirectory ospita la pagina iniziale dell'applicazione, insieme a diverse risorse sotto `css` , `js` , e `img` , che seguono le convenzioni di denominazione dei file del sviluppo web comuni. La `config.xml` file contiene metadati importanti necessari per generare e distribuire l'applicazione.
+Il secondo argomento `com.example.hello` fornisce il tuo progetto con un identificatore di dominio-stile reverse. Questo argomento è facoltativo, ma solo se si omette anche il terzo argomento, poiché gli argomenti sono posizionali. È possibile modificare questo valore successivamente nella `config.xml` del file, ma essere consapevoli che ci può essere un codice generato di fuori di `config.xml` utilizzando questo valore, ad esempio nomi di pacchetto Java. Il valore predefinito è `io.cordova.hellocordova` , ma è consigliabile che si seleziona un valore appropriato.
 
-Gli altri due argomenti sono opzionali: il `com.example.hello` argomento fornisce il tuo progetto con un identificatore di dominio-stile reverse e il `HelloWorld` fornisce il testo di visualizzazione dell'applicazione. È possibile modificare entrambi questi valori più tardi nella `config.xml` file.
+Il terzo argomento `HelloWorld` fornisce il titolo di visualizzazione dell'applicazione. Questo argomento è facoltativo. È possibile modificare questo valore successivamente nella `config.xml` del file, ma essere consapevoli che ci può essere un codice generato di fuori di `config.xml` utilizzando questo valore, ad esempio i nomi delle classi di Java. Il valore predefinito è `HelloCordova` , ma è consigliabile che si seleziona un valore appropriato.
 
 ## Aggiungi piattaforme
 
@@ -72,6 +77,7 @@ Tutti i comandi successivi devono essere eseguito all'interno della directory de
 Per poter compilare il progetto, è necessario specificare un insieme di piattaforme di destinazione. La capacità di eseguire questi comandi dipende se la macchina supporta ogni SDK, e se avete già installato ogni SDK. Eseguire uno di questi da un Mac:
 
         $ cordova platform add ios
+        $ cordova platform add amazon-fireos
         $ cordova platform add android
         $ cordova platform add blackberry10
         $ cordova platform add firefoxos
@@ -82,6 +88,7 @@ Eseguire una qualsiasi di queste da una macchina Windows, dove *wp* si riferisce
         $ cordova platform add wp7
         $ cordova platform add wp8
         $ cordova platform add windows8
+        $ cordova platform add amazon-fireos
         $ cordova platform add android
         $ cordova platform add blackberry10
         $ cordova platform add firefoxos
@@ -97,18 +104,21 @@ Eseguire questo per controllare il set corrente di piattaforme:
 Eseguire uno dei seguenti comandi per rimuovere una piattaforma sinonimi:
 
         $ cordova platform remove blackberry10
+        $ cordova platform rm amazon-fireos
         $ cordova platform rm android
     
 
-Esecuzione di comandi per aggiungere o rimuovere colpisce piattaforme il contenuto della directory del progetto *piattaforme* , dove ogni piattaforma specificata appare come una sottodirectory. La directory di origine *www* è riprodotta all'interno di sottodirectory su ogni piattaforma, apparendo ad esempio `platforms/ios/www` o `platforms/android/assets/www` . Per impostazione predefinita, il file di configurazione di ogni piattaforma è impostato per poter accedere a tutte le API di Cordova.
+Esecuzione di comandi per aggiungere o rimuovere colpisce piattaforme il contenuto della directory del progetto *piattaforme* , dove ogni piattaforma specificata appare come una sottodirectory. La directory di origine *www* è riprodotta all'interno di sottodirectory su ogni piattaforma, apparendo ad esempio `platforms/ios/www` o `platforms/android/assets/www` . Perché CLI costantemente copia i file dalla cartella sorgente *www* , è consigliabile modificare solo questi file e non quelli situati sotto le sottodirectory di *piattaforme* . Se si utilizza il software di controllo versione, è necessario aggiungere questa cartella *www* di origine, insieme con la cartella *si fonde* , al sistema di controllo di versione. (Ulteriori informazioni sulla cartella *si fonde* possono essere trovati nella sezione Personalizza ogni piattaforma sottostante).
+
+**AVVERTENZA**: quando si utilizza la CLI per compilare l'applicazione, si è fortemente scoraggiato dalla modifica di qualsiasi file nella `/platforms/` cartella se non sai cosa stai facendo o sono specificamente detto diversamente nella documentazione. Questo è perché i file nella `/platforms/` direcotry verranno sovrascritti a preparare o reinstallazione del plugin.
+
+Se volete a questo punto, è possibile utilizzare un SDK come Eclipse o Xcode per aprire il progetto creato. Devi aprire il set derivato dei beni dalla `/platforms/` directory per sviluppare con un SDK. Questo è perché sono archiviati i file di metadati specifici SDK all'interno l'appropriato `/platform/` sottodirectory. (Vedi le guide di piattaforma per informazioni su come sviluppare applicazioni all'interno di ogni IDE). Utilizzare questo approccio se si desidera semplicemente inizializzare un progetto utilizzando la CLI e poi passare a un SDK per lavoro nativo.
 
-Se lo si desidera, è possibile utilizzare un SDK a questo punto aprire il progetto creato. Tuttavia, tutte le modifiche apportate al progetto all'interno di un effetto SDK il derivato impostato dei beni, non i file sorgente della multipiattaforma originale. Utilizzare questo approccio se si desidera semplicemente inizializzare un progetto. (Vedi le guide di piattaforma per informazioni su come sviluppare applicazioni all'interno di ogni SDK). Leggere se si desidera utilizzare gli strumenti della riga di comando per il ciclo di sviluppo intero.
+Leggere se si desidera utilizzare l'approccio del flusso di lavoro multi-piattaforma (CLI) per il ciclo di sviluppo intero.
 
 ## Costruire l'App
 
-Per impostazione predefinita, il `cordova create` script genera una scheletrica applicazione web-based in cui home page è il progetto `www/index.html` file. Modificare questa applicazione, tuttavia si desidera, ma qualsiasi inizializzazione deve essere specificato come parte della `deviceready` gestore di eventi, a cui fa riferimento predefinito da `www/js/index.js` . <!-- XREF
-(See the Application Development Guide for details.)
-XREF -->
+Per impostazione predefinita, il `cordova create` script genera una scheletrica applicazione web-based in cui home page è il progetto `www/index.html` file. Modificare questa applicazione, tuttavia si desidera, ma qualsiasi inizializzazione deve essere specificato come parte della `deviceready` gestore di eventi, a cui fa riferimento predefinito da`www/js/index.js`.
 
 Eseguire il comando seguente per costruire in modo iterativo del progetto:
 
@@ -135,7 +145,11 @@ SDK per piattaforme mobili, spesso in bundle con emulatori che eseguire un'immag
         $ cordova emulate android
     
 
-Alcune piattaforme mobili emulano un particolare dispositivo per impostazione predefinita, come l'iPhone per i progetti di iOS. Per altre piattaforme, è necessario prima di associare un dispositivo con un emulatore. (Vedi le guide di piattaforma per dettagli). Ad esempio, si può in primo luogo eseguire il `android` comando per lanciare il SDK di Android, quindi eseguire un'immagine particolare dispositivo, che lancia il secondo il comportamento predefinito:
+Alcune piattaforme mobili emulano un particolare dispositivo per impostazione predefinita, come l'iPhone per i progetti di iOS. Per altre piattaforme, è necessario prima di associare un dispositivo con un emulatore.
+
+Nota: Supporto emulatore non è attualmente disponibile per OS fuoco Amazon
+
+(Vedi le guide di piattaforma per dettagli). Ad esempio, si può in primo luogo eseguire il `android` comando per lanciare il SDK di Android, quindi eseguire un'immagine particolare dispositivo, che lancia il secondo il comportamento predefinito:
 
 ![][2]
 
@@ -152,15 +166,29 @@ Alternativamente, è possibile collegare il telefono al computer e testare le ap
         $ cordova run android
     
 
-Prima di eseguire questo comando, è necessario impostare il dispositivo per la prova, seguendo procedure che variano per ogni piattaforma. Nel caso di Android, dovete abilitare un'opzione di **debug USB** sul dispositivo e magari aggiungere un driver USB a seconda del vostro sviluppo di Francia. Vedere piattaforma guide per informazioni dettagliate sui requisiti di ogni piattaforma.
+Prima di eseguire questo comando, è necessario impostare il dispositivo per la prova, seguendo procedure che variano per ogni piattaforma. Nei dispositivi Android e Amazon fuoco OS, dovete abilitare un'opzione di **debug USB** sul dispositivo e magari aggiungere un driver USB a seconda del vostro sviluppo di Francia. Vedere piattaforma guide per informazioni dettagliate sui requisiti di ogni piattaforma.
 
-## Aggiungere funzionalità
+## Aggiungere funzionalità di Plugin
 
 Quando si compila e Mostra un nuovo progetto, l'applicazione predefinita che appare non fa molto molto. È possibile modificare l'applicazione in molti modi per sfruttare tecnologie web standard, ma per le app comunicare strettamente con varie funzionalità a livello di dispositivo, è necessario aggiungere plugins che forniscono accesso al nucleo Cordova APIs.
 
-Un *plugin* è un po ' di codice del componente aggiuntivo che fornisce un'interfaccia per i componenti nativi. È possibile progettare la propria interfaccia plugin, per esempio, quando si progetta un'applicazione ibrida che mescola una Cordova WebView con componenti nativi. (Vedere visualizzazioni Web Embedding e guida allo sviluppo di Plugin per dettagli). Più comunemente, si dovrebbe aggiungere un plugin per abilitare una delle funzionalità a livello di dispositivo base di Cordova <!- - XRIF discusso nella Guida Sviluppo Applicazione e XRIF--> dettagliate nel riferimento all'API.
+Un *plugin* è un po ' di codice del componente aggiuntivo che fornisce un'interfaccia per i componenti nativi. È possibile progettare la propria interfaccia plugin, per esempio, quando si progetta un'applicazione ibrida che mescola una Cordova WebView con componenti nativi. (Vedere visualizzazioni Web Embedding e guida allo sviluppo di Plugin per dettagli). Più comunemente, è necessario aggiungere un plugin per abilitare una delle caratteristiche fondamentali di Cordova dispositivo-livello dettagliati in riferimento all'API. Un elenco di questi plugin, tra cui il plugin aggiuntivi forniti dalla Comunità, può essere trovato alla [plugins.cordova.io][4]. È possibile utilizzare la CLI per la ricerca di plugin da questo registro. Ad esempio, alla ricerca di `bar` e `code` produce un singolo risultato che corrisponde a entrambi i termini come minuscole sottostringhe:
+
+ [4]: http://plugins.cordova.io/
+
+        $ cordova plugin search bar code
+    
+        com.phonegap.plugins.barcodescanner - Scans Barcodes
+    
+
+Cercando solo il `bar` termine rendimenti e risultati aggiuntivi:
+
+        org.apache.cordova.statusbar - Cordova StatusBar Plugin
+    
+
+Il `cordova plugin add` comando richiede di specificare il repository per il codice del plugin. Si prega di notare che quando si seguire il flusso di lavoro di Web progetto Dev e utilizzare la CLI, CLI si prenderà cura di aggiungere il codice del plugin nel posto appropriato per ogni piattaforma. (Se si segue il flusso di lavoro nativo progetto Dev, si dovrà aggiungere il plugin utilizzando Plugman (guida link qui), più volte per ogni piattaforma.)
 
-Il `cordova plugin add` comando richiede di specificare il repository per il codice del plugin. Qui ci sono esempi di funzioni che potrebbero aggiungere:
+Ecco alcuni esempi di come si potrebbe utilizzare la CLI per aggiungere funzionalità per l'app:
 
 *   Informazioni di base del dispositivo (dispositivo API):
     
@@ -185,7 +213,7 @@ Il `cordova plugin add` comando richiede di specificare il repository per il cod
         $ cordova plugin add org.apache.cordova.camera
         $ cordova plugin add org.apache.cordova.media-capture
         $ cordova plugin add org.apache.cordova.media
-            
+        
 
 *   Accedere ai file sul dispositivo o rete (File API):
     
@@ -232,17 +260,58 @@ Uso `plugin ls` (o `plugin list` , o `plugin` da sola) alla Mostra attualmente i
 
 Per rimuovere un plugin, si riferiscono ad esso dall'identificatore stesso che compare nell'elenco. Ad esempio, ecco come si vuoi rimuovere il supporto per una console di debug da una versione di rilascio:
 
-        $ cordova plugin rm org.apache.cordova.console        
+        $ cordova plugin rm org.apache.cordova.console
         $ cordova plugin remove org.apache.cordova.console    # same
     
 
-È possibile rimuovere-lotto o aggiungere plugins specificando più argomenti per ogni comando.
+È possibile rimuovere-lotto o aggiungere plugins specificando più argomenti per ogni comando:
+
+        $ cordova plugin add org.apache.cordova.console org.apache.cordova.device
+    
 
-## Personalizzare ogni piattaforma
+## Opzioni avanzate del Plugin
+
+Quando si aggiunge un plugin, diverse opzioni consentono di specificare da dove scaricare il plugin. Gli esempi sopra utilizzano un noto `registry.cordova.io` Registro di sistema e il plugin è specificato dal `id` :
+
+        $ cordova plugin add org.apache.cordova.console
+    
+
+Il `id` può anche includere il numero di versione del plugin, dopo un `@` personaggio. Il `latest` versione è un alias per la versione più recente. Ad esempio:
+
+        $ cordova plugin add org.apache.cordova.console@latest
+        $ cordova plugin add org.apache.cordova.console@0.2.1
+    
+
+Se il plugin non è registrato presso `registry.cordova.io` , ma si trova in un altro repository git, è possibile specificare un URL alternativo:
+
+        $ cordova plugin add https://github.com/apache/cordova-plugin-console.git
+    
+
+Git esempio precedente recupera il plugin dalla fine del ramo principale, ma può essere aggiunto un git-rif alternativo come ad esempio un tag o ramo dopo un `#` personaggio:
+
+        $ cordova plugin add https://github.com/apache/cordova-plugin-console.git#r0.2.0
+    
+
+Se il plugin (e la sua `plugin.xml` file) è in una sottodirectory all'interno della repo git, è possibile specificare con un `:` personaggio. Si noti che il `#` personaggio è ancora necessaria:
+
+        $ cordova plugin add https://github.com/someone/aplugin.git#:/my/sub/dir
+    
+
+È inoltre possibile combinare il git-ref sia nella sottodirectory:
+
+        $ cordova plugin add https://github.com/someone/aplugin.git#r0.0.1:/my/sub/dir
+    
+
+In alternativa, specificare un percorso locale plugin nella directory che contiene il `plugin.xml` file:
+
+        $ cordova plugin add ../my_plugin_dir
+    
+
+## Utilizzando *si fonde* a personalizzare ogni piattaforma
 
 Mentre Cordova consente di implementare facilmente un app per molte piattaforme diverse, a volte è necessario aggiungere personalizzazioni. In tal caso, non si vuole modificare i file di origine in varie `www` directory all'interno del primo livello `platforms` directory, perché essi stanno regolarmente sostituiti con il primo livello `www` source multipiattaforma della directory.
 
-Invece, il primo livello `merges` directory offre un posto per specificare i beni da distribuire su specifiche piattaforme. Ciascuna sottodirectory specifiche della piattaforma all'interno `merges` rispecchia la struttura di directory del `www` albero dei sorgenti, consente di sovrascrivere o aggiungere i file come necessario. Ad esempio, ecco come si potrebbero usi `merges` per aumentare la dimensione del carattere predefinita per dispositivi Android:
+Invece, il primo livello `merges` directory offre un posto per specificare i beni da distribuire su specifiche piattaforme. Ciascuna sottodirectory specifiche della piattaforma all'interno `merges` rispecchia la struttura di directory del `www` albero dei sorgenti, consente di sovrascrivere o aggiungere i file come necessario. Ad esempio, ecco come si potrebbero usi `merges` per aumentare la dimensione del carattere predefinita per dispositivi Android e Amazon fuoco OS:
 
 *   Modificare il `www/index.html` file, aggiungendo un link al file CSS aggiuntivo, `overrides.css` in questo caso:
     
@@ -260,7 +329,24 @@ Quando si ricostruisce il progetto, la versione di Android presenta la dimension
 
 È inoltre possibile utilizzare `merges` per aggiungere file non presenti nell'originale `www` directory. Ad esempio, un'app può incorporare una grafica del *pulsante indietro* nell'interfaccia di iOS, memorizzato `merges/ios/img/back_button.png` , mentre la versione di Android invece può catturare `backbutton` eventi dal corrispondente pulsante hardware.
 
-## Aggiornamento di Cordova
+## Aiuto comandi
+
+Cordova dispone di un paio di comandi globali, che possono aiutarvi se rimani bloccato o un problema di esperienza. Il `help` comando consente di visualizzare tutti i comandi disponibili di Cordova e la loro sintassi:
+
+    $ cordova help
+    $ cordova        # same
+    
+
+Il `info` comando produce un elenco di dettagli potenzialmente utili, quali piattaforme attualmente installate e plugins, versioni SDK per ogni piattaforma e versioni di CLI e `node.js` :
+
+    $ cordova info
+    
+
+Esso presenta le informazioni a schermo e catturare l'output in un locale `info.txt` file.
+
+**Nota**: attualmente sono disponibili solo i dettagli su piattaforme Android e iOS.
+
+## Aggiornamento di Cordova e progetto
 
 Dopo aver installato il `cordova` utilità, si può sempre aggiornare all'ultima versione eseguendo il seguente comando:
 
@@ -269,13 +355,19 @@ Dopo aver installato il `cordova` utilità, si può sempre aggiornare all'ultima
 
 Per installare una versione specifica, utilizzare questa sintassi:
 
-        $ sudo npm installare -g cordova@3.1.0
+        $ sudo npm install -g cordova@3.1.0
     
 
-Eseguire `cordova -v` per vedere la versione attualmente in esecuzione. Eseguire il `npm
+Eseguire `cordova -v` per vedere quale versione è attualmente in esecuzione. Eseguire il `npm
 info` comando per un elenco più lungo che include la versione corrente, insieme ad altri numeri di versione disponibile:
 
         $ npm info cordova
     
 
-Cordova 3.0 è la prima versione a supportare l'interfaccia della riga di comando descritta in questa sezione. Se si sta aggiornando da una versione precedente alla 3.0, è necessario creare un nuovo progetto, come descritto sopra, poi copiare risorse dell'applicazione più anziani nel primo livello `www` directory. Dove applicabile, maggiori dettagli sull'aggiornamento a 3.0 sono disponibili nelle guide piattaforma. Una volta che si aggiorna alla `cordova` interfaccia della riga di comando e uso `npm update` per rimanere attuale, richiede più tempo procedure descritte ci non sono più pertinenti.
\ No newline at end of file
+Cordova 3.0 è la prima versione a supportare l'interfaccia della riga di comando descritta in questa sezione. Se si sta aggiornando da una versione precedente alla 3.0, è necessario creare un nuovo progetto, come descritto sopra, poi copiare risorse dell'applicazione più anziani nel primo livello `www` directory. Dove applicabile, maggiori dettagli sull'aggiornamento a 3.0 sono disponibili nelle guide piattaforma. Una volta che si aggiorna alla `cordova` interfaccia della riga di comando e uso `npm update` per rimanere attuale, richiede più tempo procedure descritte ci non sono più pertinenti.
+
+Cordova 3.0 + possa ancora richiedere varie modifiche alle strutture di directory a livello di progetto e altre dipendenze. Dopo aver eseguito il `npm` comando sopra per aggiornare Cordova stessa, potrebbe essere necessario per assicurare le risorse del progetto conformano ai requisiti dell'ultima versione. Eseguire un comando simile al seguente per ogni piattaforma che si sta costruendo:
+
+        $ cordova platform update android
+        $ cordova platform update ios
+        ...etc.
\ No newline at end of file


Mime
View raw message